Tutto è nato in una prima classe del Tecnico Commerciale Costa della città salentina. Un’idea semplice: incaricare un ragazzo per classe di fare da referente per i compagni che dovessero subire atti di bullismo.  Li hanno chiamati “bulliziotti” e ora li vogliono copiare in tanti. Con i complimenti del ministero.

CONTINUA A LEGGERE >>